Mercoledì 1 Marzo 2017
Mappa del Sito
Contatti
English version
Versione accessibile
RICERCA NEL SITO
parola chiave
>> ricerca avanzata
Provincia Bari
MediaCenter
 Archivio News - Pianificazione Strategica della Città metropolitana di Bari: open call per l'istituzione dei Tavoli parternariali 
Open Call per l'istituzione del Tavoli parternariali per l'attuazione del Patto della Città Metropolitana di Bari   versione testuale
La Città Metropolitana di Bari ha approvato, con delibera di Consiglio Metropolitano n. 1 del 15.02.2016, il Modello di Governance basato su tre livelli: istituzionale, partenariale e gestionale. Tale organizzazione è ispirata al modello policentrico, definito statutariamente, che mira a sviluppare l’attrattività dei diversi sistemi territoriali mediante un coordinamento armonioso, la messa a sistema e la promozione delle risorse locali in un’ottica di integrazione su più livelli degli ambiti territoriali.

La Città Metropolitana di Bari intende attivare i seguenti tre Tavoli di Lavoro quali organismi di partecipazione e condivisione degli obiettivi e dei contenuti del Piano strategico nella fase di avvio del processo:
 
-il “Tavolo inter-istituzionale della Città Metropolitana di Bari” al quale possono partecipare i rappresentanti delle istituzioni a finalità pubblica che perseguono gli interessi di carattere generale, nonché delle associazioni di categoria datoriali e sindacali del territorio. 

- il “Tavolo delle Associazioni e della Cittadinanza Attiva” al quale partecipano i rappresentanti dei soggetti e delle formazioni sociali attraverso i quali si svolge la personalità degli individui intese nel senso più vasto previsto nell'art.  2 della Costituzione, qualunque veste giuridica essi assumano.  

- il “Tavolo dei Talenti e delle Nuove Generazioni” al quale partecipano i rappresentanti dei soggetti e  delle formazioni sociali  espressione dei movimenti giovanili, degli istituti scolastici e/o cittadini attivi tra i 16 e i  30  anni. 

I Tavoli di Lavoro saranno presieduti dal Sindaco Metropolitano o da un suo delegato e avranno competenze e ruoli definiti nel Modello di Governance che si allega.

In ossequio ai principi di trasparenza e di apertura che ispirano il Modello di Governance della Pianificazione Strategica della Città Metropolitana, si intende stimolare la partecipazione degli attori istituzionali, pubblici e privati ad aderire al Patto per la Città Metropolitana di Bari e accreditarsi presso uno o più Tavoli di Lavoro succitati, sulla base delle proprie competenze.
 
L’accreditamento dei soggetti interessati a partecipare ai Tavoli di Lavoro sarà ammesso sulla base dei principi di competenza e dei requisiti di seguito riportati: 
 
Tavolo inter-istituzionale della Città Metropolitana di Bari: sono ammessi all’accreditamento tutti gli enti pubblici presenti sul territorio della Città Metropolitana di Bari, le associazioni di categoria e i sindacati;
 
Tavolo delle Associazioni e della Cittadinanza Attiva: sono ammessi all’accreditamento tutte le organizzazioni espressione della società civile (associazioni riconosciute e non riconosciute), del terzo settore (OdV, Cooperative di tipo A e B, ONG, Fondazioni), gli enti ecclesiastici purché regolarmente costituiti e con sede legale presso uno dei Comuni della Città Metropolitana di Bari; 
 
Tavolo dei Talenti  e  delle  Nuove  Generazioni: sono ammessi all’accreditamento tutte le organizzazioni giovanili dotate di qualsiasi forma giuridica con sede presso uno dei Comuni della Città Metropolitana.
 
L’accreditamento dei soggetti interessati a partecipare ai Tavoli di Lavoro deve avvenire sulla base della presentazione della domanda, redatta esclusivamente compilando il modello allegato, che dovrà essere sottoscritto dal rappresentante legale dell'ente/organizzazione unitamente alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità, a mezzo PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC): pianostrategico.cittametropolitana.bari@pec.rupar.puglia.it entro e non oltre le ore 12.00 del 01 dicembre 2016, pena l'esclusione. Non saranno prese in considerazione le istanze pervenute oltre il succitato termine perentorio.