Giovedì 24 Maggio 2018
Mappa del Sito
Contatti
English version
Versione accessibile
RICERCA NEL SITO
parola chiave
>> ricerca avanzata
Provincia Bari
MediaCenter
 Struttura e Organizzazione - Servizi - Servizio Edilizia Pubblica,Territorio (Viabilità, Trasporti, Urbanistica ed Espropriazioni) e Ambiente - SEZIONE AMBIENTE - Procedimenti e Modulistica - Procedure Semplificate per il recupero di rifiuti non pericolosi (art. 214 e 216 del D. Lgs. n. 152/06 e smi). 
Procedure Semplificate per il recupero di rifiuti non pericolosi (art. 214 e 216 del D. Lgs. n. 152/06 e smi).   versione testuale
 
IL NUOVO CODICE IBAN PER I VERSAMENTI IN FAVORE DI QUESTO ENTE TRAMITE BONIFICO BANCARIO E' :
 
IT38T0101004015100000046768
 
 
Descrizione del Procedimento

    

        E' un procedimento inteso ad ottenere l'iscrizione nel registro provinciale delle imprese esercenti l'attività di recupero ai sensi e per gli effetti dell'art. 216 del D. Lgs. n. 152/2006.      

        Le procedure semplificate devono garantire in ogni caso un elevato livello di protezione ambientale e controlli efficaci.    

    Operazioni di recupero

 Modalità

 

        I soggetti che intendono esercitare le operazioni di recupero di rifiuti pericolosi e non pericolosi, devono presentare apposita idomanda alla Provincia - Servizio "Rifiuti" - corredata dalla documentazione di cui alla modulistica a latere indicata. 

        A condizione che siano rispettate le norme tecniche e le prescrizioni specifiche di cui alla normativa, l'esercizio delle operazioni di recupero dei rifiuti può essere intrapreso decorsi novanta giorni dalla comunicazione di inizio attività alla Provincia.

        Le condizioni e le norme tecniche citate, in relazione a ciascun tipo di attività, prevedono in particolare:

 

a) per i rifiuti non pericolosi (D.M. 05/02/98  e  s.m. e i.):

 

1) le quantità massime impiegabili;

2) la provenienza, i tipi e le caratteristiche dei rifiuti utilizzabili nonchè le condizioni specifiche alle quali le attività medesime sono sottoposte alla disciplina del presente articolo;       

3) le prescrizioni necessarie per assicurare che, in relazione ai tipi o alle qualità dei rifiuti ed ai metodi di recupero, i rifiuti stessi siano recuperati senza pericolo per la salute dell' uomo e senza usare procedimenti/metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente.

    

b) per i rifiuti pericolosi (D.M. n. 161/02  e  s.m. e  i.):

 

1) le quantità massime impiegabili;

2) la provenienza, i tipi e le caratteristiche dei rifiuti;

3) le condizioni specifiche riferite ai valori limite di sostanze pericolose contenuti nei rifiuti, ai valori limite di emissione per ogni tipo di rifiuto ed  al tipo di attività e di impianto utilizzato anche in relazione alle altre emissioni presenti in sito;

4) gli altri requisiti necessari per effettuare forme diverse di recupero;

5) le prescrizioni necessarie per assicurare che, in relazione al tipo ed alle quantità delle sostanze pericolose contenute nei rifiuti ed ai metodi di recupero, i rifiuti stessi siano recuperati senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti e metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente.

         La Provincia iscrive in un apposito registro le imprese che effettuano la comunicazione di inizio attività e, entro il termine di novanta giorni, verifica d' ufficio la sussistenza dei presupposti e dei requisiti richiesti.

 

Requisiti del richiedente

                Requisiti di cui all'art. 10 del D.M. n. 05/02/98

 Diritti di iscrizione

        Si applicano le tariffe di cui al D.M. n. 350 del 21/7/1998 determinate in relazione alle attività e alle quantità dei rifiuti trattati, da versarsi su c/c postale n. 18294702 intestato alla Amministrazione Provinciale di Bari - Servizio Tesoreria -

 

MODULISTICA: