Il Presidente Schittulli su classifica qualità della vita del Sole 24ore

- Vai subito al Contenuto
- Vai subito al Menu Principale
- Vai subito al Menu delle Altre pagine
- Vai subito al Menu di sezione



Il Presidente Schittulli su classifica qualità della vita del Sole 24ore

“L’indagine del Sole 24ore è di sicuro stimolante per fare di più e meglio. Anche se quei dati si riferiscono ad una Provincia di Bari che comprende ancora la neonata Bat, un territorio che, da più di anno, corre con le proprie gambe e sul quale non abbiamo più competenza e responsabilità. Ad ogni modo, però, rispetto ad altre province preferisco quella di Bari, terra di profumi, sapori, prodotti di qualità straordinaria con eccellenze produttive in un clima mite e accogliente ed una popolazione che conosce e ha dimostrato di sapere accogliere sia i forestieri che gli emarginati del mondo. Credo così che ai parametri considerati dal Sole 24ore ne andrebbero aggiunti altri più complessi e che prendano in esame le tante sfumature del vivere umano che non sono misurabili solo con il famigerato Pil, con il livello di occupazione o la puntualità degli autobus, che registra tutta la sofferenza strutturale di un Mezzogiorno, patrimonio di grande valore, ancora trascurato. Sono sicuro che promuovendo tanto, la Provincia di Bari, insieme alle altre Province del Sud, non sarebbero fanalino di coda della classifica. Tanto più che il “marchio Puglia” è garanzia di affidabilità e qualità. Ai nastri di partenza (intendo 150 anni fa) non siamo partiti alla pari. Le regioni del centro-nord sono partite da un indiscutibile vantaggio economico, infrastrutturale, occupazionale a scapito del Mezzogiorno. Nei confronti del quale si percepisce una serpeggiante intolleranza da parte di alcuni connazionali del Nord. Certo non riusciamo ancora a sfruttare e mettere a segno le mille potenzialità, “vendendolo” come dovremmo. Ma questa non è solo colpa nostra. Sono i retaggi di un Mezzogiorno per decenni abbandonato che non è riuscito a sviluppare efficaci politiche di marketing territoriale e che presenta ancora uno svantaggio economico, occupazionale, infrastrutturale, agricolo e turistico rilevante. In questo anno e mezzo di amministrazione qualche buon risultato, comunque, lo abbiamo raggiunto. Tanto per citarne qualcuno l’Istat ci dice che è diminuita sensibilmente la mortalità sulle strade provinciali; che l’impegno profuso per incrementare la sicurezza e la legalità sul territorio ci ha consentito di dar vita ad un Protocollo d’intesa con altre Istituzioni, Forze dell’ordine, Procura, Prefettura denominato “Vivere Sicuro”, di avviare il progetto Felce per la legalità nelle scuole, di siglare un’Intesa con l’Associazione Antiracket per la lotta all’usura e di promuovere campagne di sensibilizzazione fra i giovani sulla raccolta differenziata. Continueremo con più determinazione su questo percorso, orgogliosi di appartenere ed essere meridionali.”







Città Metropolitana  Home Page  Home Page  


 
Torna all'inizio della pagina


- Vai alla versione grafica

Valid HTML 4.01 TransitionalLevel A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0