Schittulli al fianco dei lavoratori pugliesi della Vodafone Italia a rischio licenziamento

- Vai subito al Contenuto
- Vai subito al Menu Principale
- Vai subito al Menu delle Altre pagine
- Vai subito al Menu di sezione



Schittulli al fianco dei lavoratori pugliesi della Vodafone Italia a rischio licenziamento

Il Presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli, ha ricevuto questa mattina una delegazione di lavoratori pugliesi della società di comunicazione Vodafone Italia a rischio licenziamento in forza dell’avvio della procedura di mobilità destinata a tutto il territorio nazionale per 700 unità lavorative “in esubero”. Le operazioni di dismissione incideranno sul perimetro occupazionale della Puglia che rappresenta una forza lavoro totale pari al 22%, costituita da 14 lavoratori su un totale di circa 68 unità. La scure che sta per abbattersi è definita dai lavoratori “inconcepibile” dal momento che l’azienda, nonostante la crisi generale, possiede un utile di circa un 1 miliardo e 400 milioni di euro. “Questa nuova situazione è paradossalmente incomprensibile – ha affermato Schittulli –. Se si dispone di licenziare anche nelle aziende in buona salute con un forte attivo, mi domando dove finiremo? Dove sono le politiche regionali e territoriali a tutela del lavoro? Vivo nell’incubo che si replichi nuovamente la triste odisseadegli ex lavoratori CCR o della Bridgestone. La Provincia di Bari – ha concluso –si schiera al fianco dei lavoratori pugliesi della Vodafone non a parole ma con fatti: chiederò, con l’apporto del consigliere regionale, Davide Bellomo, la convocazione urgente di un tavolo tecnico con il Sindaco di Bari, Michele Emiliano, il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola ed i rappresentanti della Vodafone Italia affinché si garantisca la massima tutela dei livelli occupazionali di questi lavoratori”.  







Città Metropolitana  Home Page  Home Page  


 
Torna all'inizio della pagina


- Vai alla versione grafica

Valid HTML 4.01 TransitionalLevel A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0